Affetti & dispetti = La nana

Raquel fa la cameriera in casa dei Valdes da ben 23 anni e, dopo tanto tempo, non li considera più come i suoi datori di lavoro, ma come la sua famiglia. Quando comincia ad avere attacchi di emicrania sempre più forti e frequenti, la signora Valdes decide di cercare un’altra cameriera per sgravarla del lavoro, ma Raquel non accetta alcuna intrusione e boicotta in maniera spietata tutte le nuove arrivate … Una commedia di costume premiata al Torino Film Festival 2009 e al Sundance Film Festival 2009.

Continue reading

Die stille Revolution

Die Arbeitswelt steht vor einem nachhaltigen Kulturwandel. Alte Denkmuster und Verhalensweisen brechen auf, junge Menschen sehnen sich nach mehr Menschlichkeit und Sinn in ihrem Arbeitsumfeld. Wie gehen wir mit dieser Herausforderung um? Wie gelingt der Wandel von der Ressourcenausnutzung hin zur Potenzialentfaltung? …

Continue reading

Before the flood

Der Dokumentarfilm “Before the Flood” ist eine fesselnde Darstellung der dramatischen Veränderungen, die in aller Welt aufgrund des Klimawandels eintreten, sowie der Maßnahmen, die wir als Einzelpersonen und als Gesellschaft ergreifen können, um einen katastrophalen Zusammenbruch des Lebens auf unserem Planeten zu verhindern.

Continue reading

Remember

Il 90enne Zev scopre che la guardia nazista che assassinò la sua famiglia circa 70 anni fa vive attualmente in America sotto falso nome. Malgrado le evidenti sfide che la scelta comporta, Zev decide di portare a termine una missione per rendere una giustizia troppo a lungo rimandata ai suoi cari, portandola a compimento con la sua stessa mano ormai tremolante.

Continue reading

Noi 4

Tutto accade in una giornata di giugno, in una Roma afosa e assediata dal traffico metropolitano. Giacomo, timido figlio di genitori separati, deve affrontare gli esami orali di terza media. Intorno a questo importante appuntamento si muovono freneticamente anche gli altri membri della sua scombinata famiglia. Ma una giornata speciale ha bisogno anche di un festeggiamento speciale, una fuga dalla città tutti insieme, per un bagno al tramonto … per un breve, magico interludio …

Continue reading

Journey to Jah: viaggio nel reggae

Journey to Jah è un viaggio nel cuore di due persone, un italiano e un tedesco, che trovano dall’altra parte del globo la chiave per riportare l’equilibrio nelle loro vite e il coraggio di cantare il rifiuto delle diseguaglianze universali. Perché se si riesce a liberare la mente, si è liberi per sempre. Il libro: “Così vicino, così lontano. Il reggae globale” di Alborosie e Gentleman racconta le gioie, le passioni e le vicissitudini di due musicisti europei alla scoperta di un nuovo mondo e di un’altra spiritualità. Una ricerca che comincia sulle onde trascinanti del reggae, a partire dal fuoco indimenticabile di Bob Marley, fino all’incontro con la complessa realtà della Giamaica. Contiene libro: Così vicino, così lontano: il reggae globale di Alborosie e Gentleman, a cura di Marco Denti

Continue reading

Bekas : in viaggio per la felicità

Zana e Dana sono due fratelli orfani che decidono di lasciare il villaggio curdo in cui vivono per andare in America, una “città” che immaginano di poter raggiungere in tre giorni. La decisione nasce dopo aver visto, attraverso un buco nel muro di un piccolo cinema, il film “Superman”. Zana e Dana si mettono a lavorare duramente per potersi comprare un asino, che chiamano “Michael Jackson” ed iniziano a progettare il loro improbabile viaggio …

Continue reading

Due giorni, una notte = Deux jours, une nuit

Dopo un periodo di assenza per curarsi dalla depressione, Sandra vorrebbe tornare a lavorare ma scopre che il proprietario dell’azienda in cui lavora ha proposto ai suoi colleghi di votare per il suo licenziamento in cambio di un bonus di mille euro. Sandra ottiene che la votazione venga ripetuta in forma anonima. Col supporto del marito ora avrà due giorni e una notte per convincere i colleghi a salvarle il posto di lavoro…

Continue reading

Fratricide

Quando Azad, giovane pastore kurdo, riceve del denaro dal fratello maggiore Mehmet, non perde tempo e lo raggiunge in Germania. Appena arrivato, l’onesto e orgoglioso Azad cerca rifugio presso un centro di accoglienza dove conosce Ibo, un orfano undicenne, con il quale stringe un rapporto di intensa amicizia. Azad, aiutato da Ibo, si improvvisa barbiere per guadagnarsi da vivere, finché un giorno i due giovani non s’imbattono in due turchi che terrorizzano i passanti con un aggressivo pit bull. Azad commette l’errore di provocarli e la sua vita da quel momento diventa un incubo…

Continue reading

Australia = Australia revealed

L’Australia è una delle più giovani nazioni del mondo ed è patria di una delle più antiche popolazioni indigene. Dall’arido entroterra alle sue accoglienti e fertili coste, il paesaggio australiano sorprende per la sua varietà e i suoi contrasti. – Un grande affresco di un popolo ancestrale che conserva con tenacia riti millenari, di una società in continua trasformazione, una natura selvaggia di straordinaria bellezza.

Continue reading

Cina = China revealed

Dopo un lungo periodo di isolamento, la Cina si è aperta al mondo svelando tesori di una civiltà antichissima, risalente a oltre 5.000 anni fa. Antico e moderno, evoluzione e tradizione si mescolano in una terra dai forti contrasti, popolata da quasi un miliardi e mezzo di persone, in cui modernissimi grattacieli sorgono a fianco di grandiose opere millenarie…

Continue reading

Vesna va veloce

Arrivata a Trieste con un pullman di connazionali (da una zona rurale della Cecoslovacchia), la giovane Vesna rimane volutamente in Italia privandosi della presenza della compaesana Marina in procinto di ripartire con il gruppo del suo Paese. Senza denaro accetta l’ospitalità di un assicuratore che rinuncia a possederla. Poi mangia in un ristorante senza pagare e, visti i prezzi in auge in Italia, pensa di prostituirsi. Decisa a raggiungere Rimini…

Continue reading

La nave dolce

Il 7 agosto del 1991 la Vlora, mercantile di ritorno da Cuba, arriva a Durazzo con la stiva piena di zucchero. Durante il pieno delle operazioni di scarico, una marea di persone prende letteralmente d’assalto la nave: uomini, donne, ragazzi e bambini cercano di salire in tutti i modi…

Continue reading

L’atleta : Abebe Bikila

Ritratto del leggendario maratoneta etiope Abebe Bikila, diventato campione olimpico a piedi nudi nel 1960 a Roma e nel 1964 a Tokyo e poi rimasto paralizzato a entrambe le gambe…

Continue reading

In questo mondo libero… = It’s a free world

Inghilterra. Angie, impiegata di un’agenzia di collocamento, non ha avuto una vita semplice né tanto meno un’educazione e un’istruzione accurate, ma è una ragazza giovane ed energica, dotata di forte senso pratico, ambizione e coraggio. Ha alle spalle una vita disordinata in cui non è riuscita a costruirsi un futuro e ha bisogno di dimostrare a se stessa e agli altri che può farcela da sola, senza l’aiuto di nessuno…

Continue reading

La zona

Alejandro è un adolescente che vive nella ‘Zona’, un ricco quartiere di Città del Messico recintato e protetto da guardie private. Il giorno del compleanno di Alejandro, tre ragazzi delle borgate riescono ad introdursi nel quartiere per compiere un furto, ma qualcosa va storto… Comprende: Il muro del benessere, [con contributi di Zygmunt Bauman …[et al.]. – Feltrinelli, 2008.

Continue reading

In un altro paese

Alexander Stille, noto giornalista e scrittore statunitense, ripercorre gli intrecci tra mafia siciliana e stato negli anni della prima repubblica, partendo dal maxiprocesso di Palermo e dal lavoro dei magistrati che lo hanno reso possibile, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. E’ la storia di una clamorosa vittoria nella lotta contro la mafia, segnata però da un drammatico bilancio di morti. “Dopo questa vittoria”, racconta Stille, “ci si sarebbe aspettato che Falcone e colleghi fosero messi nella condizione di vincere la guerra. Invece in Italia avvenne proprio il contrario”.

Continue reading

Wszystko na sprzedaz = Tutto in vendita

Una sera, a Londra, stavo discutendo l’idea di un film così con David Mercier, che conosceva bene Zbignew Cybulski. Abbiamo passato una piacevole serata ricordando i numerosi aneddoti attorno ai quali avremmo potuto costruire la trama. Quado la notte tornai nella mia stanza d’albero mi chiamò Roman Polanski per dirmi che Zbignew era morto. La sua morte, proprio in quella particolare notte mi sembrò quasi irreale, come se fosse una scena del film a cui stavo pensando… I personaggi del mio film ricalcano le sue orme…Zbignew era entrato nelle loro vite – nelle nostre vite! – disturbandole in qualche modo e scuotendole. Era una specie di sognatore e spero che ciò risulti dal mio film. (Andrzej Wajda)

Continue reading