La ragazza d’autunno = Dylda

1945, Leningrado. La seconda guerra mondiale ha devastato la città, demolendo i suoi edifici e lasciando i cittadini a brandelli, sia fisicamente sia mentalmente. Anche se l’assedio è finalmente finito, la vita e la morte continuano la loro battaglia. Due giovani donne, Iya e Masha, cercano senso e speranza nella lotta per ricostruire le loro vite tra le rovine … Premio miglior regia (Un certain regard) al festival di Cannes 2019

Continue reading

Uomini senza legge = Hors-la-loi

Dopo essere stati cacciati insieme alla madre dall’Algeria, tre fratelli si sono separati e ognuno di loro ha preso strade diverse: Messaoud è andato a combattere in Indocina, Abdelkader si è messo a capo del movimento per l’indipendenza algerina e Saïd ha fatto fortuna con la box a Pigalle. Tutti si ritroveranno in una bidonville francese dove il destino di ognuno di loro si compirà inesorabilmente …

Continue reading

Principessa Mononoke = Mononoke-hime

Una leggenda mitologica, una fiaba ecologica, del Giappone del 15. secolo. Un giovane guerriero, per salvarsi da una maledizione, affronta samurai, fabbri-ferrai e ama una ragazza allevata dai lupi (la principessa del titolo). In gioco c’è la sopravvivenza di una foresta (la Natura), abitata da divinità di forma animale…

Continue reading

Mommy

Diane “Die” Després, un’esuberante giovane vedova, madre di Steve, un turbolento quindicenne affetto dalla sindrome da deficit di attenzione, decide di ritirare il ragazzo dall’istituto cui è stato affidato e di prendere la sua custodia a tempo pieno. Tra scontri e discussioni, la loro convivenza è tutt’altro che semplice, così come far quadrare i conti visto che “Die” ha perso il lavoro. A portare equilibrio tra madre e figlio c’è Kyla, una nuova vicina di casa che si è presa un anno sabbatico dall’insegnamento, e che si rivelerà un inaspettato sostegno per affrontare e superare le crisi e le problematiche di Steve, aiutando Die a mantenere viva la speranza.

Continue reading

Africa addio

Il reportage-shock diretto da Jacopetti e Prosperi concentra l’attenzione sul continente africano. Un impietoso ritratto realizzato nella prima metà degli anni ’60 in un’Africa sofferente per il dominio coloniale, l’egemonia economico-culturale dei bianchi, colpi di stato, genocidi, tribunali delle colonie inglesi, efferatezze dell’uomo verso i propri simili e la natura.

Continue reading

Nel nome del Padre = In the name of the father

In Irlanda, il giovane Gerry Conlon, coinvolto in una guerriglia urbana con gli inglesi e con l’IRA, ripara in Inghilterra con l’amico Paul Hill che, arrestato per un attentato che distrugge un pub e sottoposto a violente pressioni, suo malgrado lo denuncia. Gerry, maltrattato per sette giorni dalla polizia, che minaccia di uccidergli il padre Giuseppe, firma una falsa dichiarazione coinvolgendo due hippy della comune dove si era rifugiato con Hill. La polizia arresta poi la zia Annie ed il padre per favoreggiamento. Dopo un processo iniquo, orchestrato dall’ispettore Robert Dixon, che ha coordinato arresti e interrogatori preliminari, tutti vengono condannati. Dopo 15 anni Gerry e il padre, che dividono la cella, scoprono il vero attentatore…

Continue reading