Skip to content

Guida letteraria del vino. Pagine inebrianti dai più grandi scrittori d’ogni tempo e latitudine

Il vino parla. Lo sanno tutti. È ventriloquo. Scioglie la lingua e svela segreti. Il connubio tra vino e letteratura è stato stretto e forte sin dagli albori della scrittura. Nell’Epopea di Gilgames, il vino è celebrato come simbolo dell’immortalità, mentre nell’antichità classica Greci e Romani gli intitolarono addirittura una divinità: Dioniso e Bacco. Il vino, “nettare degli dèi”, dispensatore di gioia e vitalità, ma anche di follia, di trasgressione, di perdita delle inibizioni: pregi e difetti di un piacere dal doppio volto, esaltato e al contempo vituperato nel corso della storia. Nei capolavori della letteratura il vino celebra le occasioni di festa, inneggia alle passioni, innaffia la convivialità, ma allo stesso tempo annebbia le menti di tanti personaggi, alterando l’equilibrio di eroi ed eroine, facendone vacillare il giudizio fino alla perdizione. Perché il vino è vita, ma sa essere anche morte e distruzione. La bevanda inebriante per antonomasia accompagna le evoluzioni dello spirito e dell’anima, i tormenti e le gioie, le riflessioni di poeti e scrittori, artisti e inventori…

15/12/2021