Skip to content

Zehra Dogan : avremo anche giorni migliori

Catalogo della mostra tenuta a Brescia, Museo di Santa Giulia dal 16 novembre 2019 al 6 gennaio 2020
Nel 2016, dopo il feroce bombardamento della città curda Nusaybin da parte dell’esercito turco, Zehra Doğan realizza ad acquarello un dipinto che, rielaborando una foto dell’invasione, denuncia l’intervento repressivo di Ankara. Per quest’opera, diffusa via web, e i suoi post sui social media Zehra Doğan verrà arrestata e condannata a 2 anni, 9 mesi e 12 giorni di carcere per “propaganda terroristica”. In carcere Zehra continua a dipingere nonostante le gravi restrizioni cui è costretta, realizzando opere con materiale di recupero. La sua storia di artista dissidente ha raccolto l’interesse e la solidarietà del mondo dell’arte internazionale, da Ai Weiwei a Bansky.

21/04/2021